Sabato, 19 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
ARGHILLÀ

"Liberi di scegliere", Di Bella incontra i detenuti del carcere di Reggio

carcere arghillà, liberi di scegliere, roberto di bella, Reggio, Calabria, Cultura
Una scena della fiction

Un incontro a carte scoperte, un confronto vero e senza sconti sulle tre sofferenze che il programma “Liberi di scegliere” ha abbracciato: quella dei minori che vivono in famiglie di mafia, quella dei genitori destinatari dei provvedimenti di allontanamento e quella delle vittime innocenti della ’ndrangheta che rappresentano la parte che paga il prezzo più pesante, senza essere anche loro “Liberi di scegliere”.

Unanime e non scontato (ricordiamo le lettere di minacce inviate negli anni scorsi al presidente e agli operatori della Giustizia minorile) da parte dei detenuti il riconoscimento al presidente Roberto Di Bella della sua grande umanità e del suo impegno sincero a perseguire il bene dei ragazzi interessati dai suoi provvedimenti. È stato questo e molto altro l’incontro, promosso dal centro comunitario Agape e dall'associazione Libera nel carcere di Reggio tra i detenuti dell’alta sicurezza e il presidente Di Bella.

L'articolo completo nell'edizione odierna di Reggio della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook